Cavalleria: una Via sempre aperta

 

 AA.VV., Sodalitium Equitum Deiparae Miseris Succurrentis (a cura di) –

Editore: Città Ideale, Prato 2017 –

 

Cavalleria non è ripiegamento intimistico sul bel tempo che fu, ma testimonianza attiva della Fede qui ed ora. In pace o in guerra con lo stesso cuore.

In quest’ora terribile e bella della storia in cui tutto può succedere, la creatura offesa nella propria dignità è simile al Cristo nel Pretorio.

Oscuri fremiti di rivolta scuotono le nazioni e la Terra stessa si ribella alla tirannia dei Titani che hanno ucciso Dio.

In quest’ora splendida di gloria è altissimo onore seguire il Vessillo Santo di Dio e combattere alla Sua ombra. E’ l’ora dell’infamia e dell’eroismo, dei grandi traditori e della più pura fedeltà.

Mai come oggi è stata offerta al Cavaliere occasione più bella e avventura più grande!

La Via del Cavaliere – che può essere chiamata una ‘liturgia della Milizia’ – è la Via dell’azione secondo Verità, Giustizia e Fortezza, sul fondamento della retta Conoscenza e della pratica della Fede.

Essa conduce il Cavaliere al suo perfezionamento spirituale, nel servizio della Fede e mediante l’esercizio della Fortezza.

Il fine ultimo della Cavalleria è la glorificazione in Terra, mediante la Carità delle Armi, del Nome di Cristo Signore e il trionfo della Sua Regalità.